08/09/2018

17° LAGHI E CASTELLI

Sabato 8 e Domenica 9 Settembre 2018

                                                                          LAGHI  E  CASTELLI     17° Edizione

                                                                 6° Memorial   Tomassini       8-9  settembre   2018

 

 

                       

                                  LAGHI e CASTELLI “ Manifestazione  a calendario nazionale A.S.I. Turistico-Culturale, Trofeo Marco Poloè da sempre, a mio modesto avviso,

l’appuntamento principe del nostro club.

                            Quello,per intenderci, che ci porta a rivaleggiare ..…      ….alla pari.  con tutte le migliori iniziative degli altri club.

                            Quest’anno poi ,sempre secondo il modesto avviso di chi scrive, mi viene da dire “ci siamo superati”, potendo raccontare, tra l’altro, d’aver utilizzato per gli spostamenti anche un mezzo nautico (i più audaci hanno attraversato il lago in barca) e potendo raccontare (i più fortunati) di aver assisto alla esibizione di un canadair 215 ed alle evoluzioni di Flyboarding.

                           Ma facciamo un pò d’ordine.

                           Sabato appuntamento in piazza –ci è stata concessa piazza Vittori, quella della statua di San Francesco-per intenderci,da dove, scortati per il primo tratto di strada da una vettura della Municipale,ci siamo diretti verso Poggio Bustone passando per l’abitato di Rivodutri caratteristico paesino che domina la piana reatina.

                          Percorso abbastanza tortuoso, un susseguirsi di curve, che attraversa un territorio incontaminato con alberi che sfoggiano tutte le tonalità dei colori di questo periodo e tipici dei boschi dell’Italia centrale.

                          All’entrata di Poggio Bustone ,ecco i “giardini di Marzo” che ci accolgono, e per chi non avesse memoria andando avanti un cartello esplicitamente ci ricorda che questo è il paese natio di  Lucio Battisti.

                          Quindi si giunge al “Santuario del perdono”, ove Francesco ebbe la visione dell’Angelo che Gli annunciò la remissione dei peccati.

                         Uno dei quattro santuari ,che ha permesso a questa Valle di chiamarsi  Santa, e che abbiamo visitato (cosa non sempre possibile) avendo come valido “cicerone”un frate che ci ha ricevuto con il classico  “Pace e Bene”.

                           Poi ai Piani di Poggio Bustone, prova di abilità-si percorre un tratto di strada con le auto passando in un tempo stabilito tra i birilli e “per gioco” si cerca di mandare una palla in un cesto-scatolone (per favore non parliamo di basket).

                          Al vincitore della prova il trofeo “6° Memorial BrunoTomassini”.

                          Segue cena da “Checco al Calice d’Oro”, un classico in centro storico; ma prima, visita guidata alle “Dimore Storiche Reatine.        ”Niente male.

                          Ospiti della serata, oltre al delegato manifestazioni A.S.I. sig. Alessandro Forcelli ,anche il dott. Pietro Piacquadio del consiglio nazionale che, diretto a Foggia con la famiglia, non ha esitato a fare una deviazione per essere presente alla nostra manifestazione.

 

                             Domenica, dopo il raduno degli equipaggi ,sempre in piazza Vittori si parte destinazione  Turano Resort  a Colle di Tora.

                             Una lunga fila di circa quaranta auto,attraversa  un paesaggio da favola, con boschi secolari,che ci accompagnano fino a Colle di Tora e ,dopo esserci inoltrati (puro spirito di avventura) nelle strettissime ed impervie stradine dell’abitato, ci siamo portati al resort ,che a picco domina il lago e dalla cui terrazza, sul versante opposto si vede Castel di Tora, che si rispecchia sull’acqua.

                  …        .Per  raggiungere Castel di Tora (macchine ferme nel parcheggio dell’hotel ) troviamo a disposizione la navetta che appunto fa la spola o una barca , ne parlavamo, che con turni di 6-8 persone, ci porta sull’altra sponda.

                              Come dicevo alcuni si avventurano in barca –i più audaci-(esagero perché ero con loro) ;gli altri usano la navetta.

                              Sono reatino, quindi conosco, o dovrei conoscere i posti, ma devo ammetterlo, non ricordavo ,scorci così belli visti dalla barca,come non ricordavo  paesi così  ben tenuti e con innumerevoli ristorantini. .

                              Vere chicche! da tornare!

                              Chi è stato fortunato ,perché magari non era al momento  sulla navetta o impegnato in altro, all’improvviso ha potuto assistere anche all’esibizioni di un aereo “Canadair 215” che ,come un uccello acquatico che plana leggiadro,a varie riprese è sceso a fior d’acqua ed ha caricato i serbatoi ,impegnato com’era in una esercitazione antincendio.

                               Altro spettacolo; un temerario si è esercitato in spericolate evoluzioni di Flyboarding  ; --mi sono informato-- parliamo di quello sport , in auge da non più di 5-6 anni, che consente di compiere delle evoluzioni sulla superficie dell’acqua ,grazie ad un getto d’acqua a pressione.

                               Visitato il paese; siamo tornati al resort , ottimo il pranzo ma forse ancora migliore l’antipasto con salumi, carciofini,olive ,formaggi e una ricottina …  che dire fresca è riduttivo.

                               Il tutto su una pizza ed una bruschettina …….con un olio da urlo.

                               E’ seguita la premiazione,e lo scambio dei saluti con gli equipaggi venuti da altri club con i quali ci siamo ripromessi di incontrarci in altre occasioni.

                               Di certo non mancheranno.

 

 

 

Ad  maiora